E vui durmiti ancora

E vui durmiti ancora

Una tenerissima storia d’amore e una musica dolcissima… e se fosse anche uno stimolo a non dormire?… intendo in senso metaforico, per non perdersi tutta la bellezza della natura che, non aspetta altro che essere ammirata … sveglia Italia! Sveglia Sicilia

e…se fosse proprio una canzone di protesta.

Io ogni caso la bellezza delle parole va aldilà di qualsiasi commento.

la canzone narra di un amante che aspetta l’alba, dopo aver passato tutta la notte al freddo, per vedere affacciare dal balcone la sua amata, amata di straordinaria bellezza che si fa attendere troppo tanto che gli uccelli sono stanchi di cantare ed i fiori tengono il loro capo chino e non vogliono sbocciare.

Ecco di seguito delle straordinarie interpretazioni musicali ed il testo in fondo alla pagina.

 

E vui durmiti ancora

Lu suli è già spuntatu di lu mari
E vui bidduzza mia durmiti ancora
L’aceddi sunnu stanchi di cantari
Affriddateddi aspettanu ccà fora
Supra ssu barcuneddu su pusati
E aspettanu quann’è ca v’affacciati

Lassati stari nun durmiti cchiui
Ca ‘nzemi a iddi dintra sta vanedda
Ci sugnu puru iu c’aspettu a vui
Ppi viriri ssa facci accussì bedda
Passu cca fora tutti li nuttati
E aspettu sulu quannu v’affacciati

Li ciuri senza i vui nun vonnu stari
Su tutti ccu li testi a pinnuluni
Ognunu d’iddi nun voli sbucciari
Se prima nun si rapi ssu barconi
Intra li buttuneddi su ammucchiati
E aspettanu quann’è ca v’affacciati

Lassati stari nun durmiti cchiui
Ca ‘nzemi a iddi dintra sta vanedda
Ci sugnu puru iu c’aspettu a vui
Ppi viriri ssa facci accussì bedda
Passu cca fora tutti li nuttati
E aspettu sulu quannu v’affacciati

E voi dormite ancora

Già dal mare s’è levato il sole
E voi dormite ancora, piccola e bella
Gli uccelli sono stanchi di cantare
Infreddoliti, aspettano qui fuori
Su quel balconcino si son posati
E aspettano che voi vi affacciate
Basta, non dormite più
Perché insieme a loro, in questa stradina
Ci sono anch’io ad aspettare voi
Per vedere questo viso così bello
Passo qui fuori tutte le mie notti
E aspetto solo che voi vi affacciate

I fiori non vogliono stare senza di voi
Tengono tutti il loro capo chino
Non ce n’è uno che voglia sbocciare
Se prima non si apre quel balcone
Sono nascosti fra i boccioli
E aspettano che voi vi affacciate

Basta, non dormite più
Perché insieme a loro, in questa stradina
Ci sono anch’io ad aspettare voi
Per vedere questo viso così bello
Passo qui fuori tutte le mie notti
E aspetto solo che voi vi affacciate.

9 pensieri su “E vui durmiti ancora

  1. Pat

    E’ bellissima, è vero bisogna svegliarsi in tutti i sensi…dormire troppo fa male specialmente se per dormire non si vuole ascoltare il richiamo della nostra terra.!!!
    Svegliamoci e la natura lo farà insieme a noi dandoci una mano come sempre.

    Rispondi
    1. admin Autore articolo

      Ho dimenticato di dire che Mara Eli… sigh è morta nel 2008, ma ci ha lasciato delle perle di interpretazione.

      Rispondi
  2. Maria Bonaria Fanunza

    QUANDO UNA PERSONA CHE HAI CONOSCIUTO ED AMATO, DI UN AMORE ANCHE SOLO FRATENO, QUESTI LASCIANO UN VUOTO, CHE SOLO IL CUORE NON POTRA’ MAI CANCELLARE, E QUESTO RICORDO RIMANE PERENNE DENTRO DI TE…… BELLA LA FAVOLA, BELLISSIMA LA POESIA, ARCIBELLE LE CANZONI CON UNA CANTANTE COSI’ MERAVIGLIOSA…
    GRAZIE GIOVANNI FERRARO, SEI SEMPRE IL MIGLIORE….
    TVTB……Maria Bonaria Fanunza.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *