GIORNATA DELLA MEMORIA*

L’obiettivo principale è quello di sensibilizzare i bambini di età inferiore ai 12 anni ai problemi riguardanti l’emarginazione, le diversità e il razzismo.

Per il giorno della memoria (27 gennaio), le televisioni, la stampa, ed associazioni socio-culturali si mobilitano ad una attività di sensibilizzazione  ai suddetti problemi con filmati, conferenze etc. etc..

A mio parere va attuato un vero intervento educativo soprattutto nella fascia di età sotto i 12 anni, solo così si possono raggiungere risultati apprezzabili e duraturi.

La composizione proposta è: “La storia della cipolla del casale” ,

Composizione che, usando un linguaggio basato sulla fiaba ed il racconto musicale, è perfettamente comprensibile  ai bambini di questa età. 😉

Funzione educativa

Musicale: la composizione è strutturata come Pierino e il lupo di S. Prokofiev, dove ad ogni personaggio della storia è abbinato uno strumento ed un tema musicale 🙂

Sociale: Il Testo sviluppa il tema dell’amicizia, delle diversità e del razzismo ma, soprattutto mette in evidenza l’importanza e l’utilità  di ogni cosa aldilà delle apparenze ; come il caso della cipolla che viene emarginata perché: Bianca, grassa e fa pure piangere ma che è ingrediente indispensabile nell’insalata del casale. 🙂

Alimentare: Si sa che molti bambini soffrono di obesità e non hanno molta simpatia per  le verdure e gli ortaggi; con questo racconto musicale i bambini prenderanno in simpatia gli eroi di questa fiaba che sono la cipolla, il mais, il pomodoro, il fagiolino, la patata e che, messe insieme fanno la gustosissima insalata del casale. Inoltre faranno conoscenza anche con la frittata  di fiore di zucchina, la caponata e la peperonata. (ricetta dell’insalata del casale: cipolla bianca, patata, fagiolino verde bolliti più mais e pomodoro). 🙂

Attività collegate

A. Conferenza con i genitori dei bambini sul tema dell’emarginazione e del razzismo e della diversità.

B. Laboratori che si possono fare a livello scolastico

1. Laboratorio di recitazione

2. laboratorio musicale (studiare i cori)

3. laboratorio costumi

4. laboratorio coreografico (realizzare i balletti legati all’insalata I e II)

5. laboratorio scenografico

6. laboratorio di disegno (elaborare un percorso per immagini )

C. Temi che si possono sviluppare

– emarginazione, razzismo e diversità.

– ricerca sulla utilizzazione della cipolla nelle varie ricette alimentari

– altri impieghi della cipolla nella tradizioni popolari

– principali componenti della cipolla (vitamine, minerali etc)

D. Sperimentazione  pratica delle ricette contenute nel racconto

E. Realizzazione di un cartone animato da distribuire a tutte le scuole

F. Realizzazione di un concerto

N.B. Per una completa sensibilizzazione al suddetto progetto, sarebbe

interessante rappresentare: Brundibar di “H. Krasa” e Mai Più così musical di Pippo sicari.

Entrambi trattano il tema dell’antisemitismo con diverse modalità propositive.

NB PUOI SCARICARE IL MATERIALE PER UNA RECITA SCOLASTICA 😉

CLICCANDO QUI

e la registrazione audio live della prima esecuzione

Cliccando Qui (tasto destro e salva)

e inoltre guarda lo straordinario lavora fatto da Domenica Carroza

Attività classe IA I C Salvo D’Acquisto Cerveteri

SCOPRI 

“I SEGRETI DELLE FAVOLE EDUCATIVE”

CLICCA QUI

Salva

Salva

6 pensieri su “GIORNATA DELLA MEMORIA*

  1. Gina

    La Giornata della Memoria…. un pezzo agghiacciante della nostra storia ed è importante non dimenticarla ed è, per tutta la comunità scolastica, un’opportunità di incontro per un’esperienza educativa straordinaria: ricordare l’incredibile dramma degli ebrei sterminati nei campi di concentramento.

    Rispondi
  2. Gina

    La giornata ha lo scopo di mantenere vivo il ricordo di chi ha subito ingiustamente tanta violenza e crudeltà, quindi ricordare per non dimenticare.
    L’istituto comprensivo “S. G. Bosco” ha organizzato una manifestazione in collaborazione con la Biblioteca comunale ( Barrafranca).

    Rispondi
  3. mariadonata

    Mi sono imbattuta per caso nella ” Favola vagante” Grazie per il prezioso materiale che sono riuscita ad usare anche in una classe seconda. Bisogna far capire ai bambini che la diversità può essere solo arricchente e mai un fattore di emarginazione.

    Rispondi
    1. admin Autore articolo

      Grazie a te per essere passata da quì…torna presto. Puoi trovare altre storielle che trattano il tema dell’amarginazione…per esempio: Un fiocco di neve sa sampre dove cadere

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *